A quanto pare la “nuova” giunta Bardi sarebbe stata varata. Il condizionale è d’obbligo visti i continui colpi di scena che si stanno susseguendo minuto dopo minuto. Nonostante Bardi abbia diramato la nuova compagine dell’esecutivo regionale si avvertono i primi sussulti e i primi mal di pancia.  Le new entries sono Bellettieri, Acito e Baldassarre, quest’ultimo campione nazionale del cambio di casacca, visto che ha già annunciato di voler abbandonare Fratelli d’Italia per una destinazione al momento sconosciuta. Questo addio ha fatto risvegliare dal torpore l’assessore uscente Gianni Rosa, che si è abbandonato a commenti in stile “asilo Mariuccia”. Anche dalle parti di Forza Italia tira una cattiva aria: Piro e Leone avrebbero abbandonato la chat di maggioranza ed annunciato l’addio a Forza Italia.
Come volevasi dimostrare si sta materializzando l’ennesimo fallimento di questa sciagurata compagine che sfortunatamente nel 2019 è arrivata al governo di questa regione. Non riusciamo a trovare più aggettivi per descrivere questa cascata di irresponsabilità. I cittadini lucani vengono umiliati giorno dopo giorno da questi personaggi senza arte né parte, il cui unico scopo è quello di occupare postazioni di potere. 

Se queste sono le premesse, le prossime settimane di consiliatura ci riproporranno lo stesso spartito fatto di fuochi incrociati tra le fazioni una volta amiche. 

Dal canto nostro non ci resta che escludere qualsiasi collaborazione con questi irresponsabili se non onorando il mandato come abbiamo sempre fatto da quando abbiamo messo piede nel Consiglio Regionale. Il nostro contributo propositivo non è mai mancato in questi anni, così come dimostrato dalla nostra attività consiliare.
Lo abbiamo ripetuto più volte in questi giorni: la delicata congiuntura storica che stiamo attraversando non consente ulteriori perdite di tempo e, se non è possibile andare avanti, si ridia la parola ai cittadini. Lo diciamo a scanso di equivoci, anche per ribadirlo a qualche commentatore volutamente distratto che tenta di buttarci forzatamente in questo minestrone: il nostro futuro sappiamo immaginarlo anche al di fuori del perimetro di via Anzio, se questo coincide con il bene dei lucani che abbiamo sempre e senza tema di smentita anteposto alla miseria degli interessi personali.
Una cosa ci sentiamo di dire agli attori di questa vergognosa pantomima: VERGOGNATEVI!   

Gianni Perrino
Gianni Leggieri
Carmela Carlucci
Movimento 5 Stelle Basilicata – Consiglio Regionale