Il Pubblico Ministero  ha accolto la nostra istanza di modifica del capo di imputazione da disastro semplice a disastro ambientale ed in questa prospettiva, oltre ad un aumento considerevole delle pene previste, si mette finalmente  la tutela del bene ambiente al centro del procedimento giudiziario. Allo stesso tempo si apre la possibilità anche per le associazioni ambientaliste e a tutela  della salute, di poter far sentire in maniera più incisiva  la propria voce. Ringraziamo gli avvocati Leonardo Pinto, Francesco Chita e Antonio Digioia per il supporto legale e lo scrupoloso studio del corposo fascicolo scaturito da un nostro esposto,  confidando in un sereno prosieguo del procedimento giudiziario.

I portavoce del M5S
Gianni Perrino, Gianni Leggieri, Mirella Liuzzi e Vito Petrocelli.