Tra venti di guerra, blocchi sulle strade e crisi economica incombente, nella ridente terra di Basilicata ci tocca affrontare le imbarazzanti situazioni create da esponenti di spicco del governo regionale e dei suoi organi funzionali.

A più di 15 giorni dal gravissimo episodio che ha interessato il d.g. ARPAB, lo stesso Tisci avrebbe dichiarato di non essere a conoscenza della positività al tampone tirando in ballo la farmacia che ha effettuato lo stesso. È quanto apprendiamo dal Quotidiano del Sud di oggi.

Ci sembra di essere tornati indietro ai tempi delle scuole elementari quando per giustificare i compiti non fatti si adducevano le scuse più fantasiose. 

Una toppa che ci sembra peggio del buco e che aggiunge ulteriori elementi di discredito alla già traballante credibilità delle istituzioni. Ora la misura è davvero colma: Bardi metta fine una volta per tutte a questa vicenda, triste e ridicola allo stesso tempo, dando il benservito al Dottor. Tisci. 

L’ARPAB è un ente fondamentale per tutto il territorio regionale e merita una guida all’altezza. Di sicuro comportamenti del genere non apportano benefici né ai cittadini lucani né – tantomeno – a tutti i lavoratori dell’agenzia stessa. 

Gianni Perrino
Gianni Leggieri
Carmela Carlucci
Movimento 5 Stelle Basilicata – Consiglio Regionale