Benvenuto Ospite 

Mostra/Nascondi Header

Benvenuto ospite, scrivere in questo forum richiede registrazione.

Pagine: 1 2 [3] 4
Autore ArgomentoProposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: July 29, 2013, 13:30
Cita:

Gestione separata dei demani comunali civici - Indizione elezioni comunali: è in corso la votazione su Liquid Feedback su https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/initiative/show/97.html

2 giorni + 20:30:00 rimanenti

Image

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Saverio-
Castoro
Pro
Posts: 790
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: July 30, 2013, 10:35
Cita:

Grazie Michele!
Io credo che su questa proposta si possa iniziare a verificare la concretezza e la coerenza del nostro programma regionale. Se "la possibilità di concedere ad imprese cooperative è immediatamente attivabile dai comuni lucani solo (si fa per dire) sui 250mila ettari di demanio civico comunale, adottando un regolamento comunale dei demani civici che lo preveda o integrando quello già esistente", potremmo verificare la fattibilità del progetto di "Empori e Botteghe" di cui si parla qui, qui e qui.
Inoltre, secondo me, se "per i 338mila ettari del demanio dello stato ciò non è possibile perchè sono gestiti direttamente dall'agenzia del demanio e sono attualmente destinati alla vendita" dovremmo fare tutte le opportune verifiche per non andare obbligatoriamente alla vendita ovvero tentare di rendere anche questi terreni una ricchezza per la comunità di appartenenza.

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: July 30, 2013, 17:32
Cita:

certo saverio, leggo i tre link del progetto empori e botteghe e rispondo.

circa i 338.000 ettari sono di competenza del demanio dello stato e le cose possono cambiare solo con una legge del parlamento. si potrebbero individuare i parlamentari del m5s che sono nella commissione competente per preparare una proposta di legge.

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: July 30, 2013, 18:08
Cita:

il progetto empori e botteghe si collega benissimo al corretto utilizzo dei demani comunali civici per avere prodotti locali lucani.

si tratta solo di iniziare con i comitati promotori delle asbuc comunali per ogni comune ... attivisti cercasi ...

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: August 2, 2013, 19:04
Cita:

Cita da: Michele Labriola il July 29, 2013, 13:30
Gestione separata dei demani comunali civici - Indizione elezioni comunali: è in corso la votazione su Liquid Feedback su https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/initiative/show/97.html

2 giorni + 20:30:00 rimanenti

si è conclusa la votazione su lf, proposta approvata col 95% dei voti: 21 si, 7 astenuti, 1 no.

questo il link https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/initiative/show/97.html

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: August 6, 2013, 14:59
Cita:

tra le possibili forme di utilizzo dei terreni civici vi è anche la "Permacultura e terre civiche" come suggerito dal consigliere comunale del m5s di lavello giancarlo gervasio.

qui è in corso la proposta su LF https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/initiative/show/140.html

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: August 6, 2013, 15:37
Cita:

lanciata su LF il suggerimento per la Permacultura su terre civiche con concessione ad Imprese Cooperative Comunali, su https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/suggestion/show/152.html

questo il testo:

DESCRIZIONE:
integrazione della legge regionale della basilicata n. 57/2000 sui demani comunali civici per la concessione di tali terre civiche ad Imprese Cooperative Comunali.

TESTO DA INSERIRE NELLA LEGGE REGIONALE DELLA BASILICATA 57/2000:
1. I terreni civici possono essere concessi, oltre che ai cittadini naturali residenti anche ad associazioni di naturali provvisti di requisiti di professionalità (coltivatori, mezzadri, affittuari, contadini, braccianti, pastori, giovani naturali interessati allo sviluppo dell’agricoltura, anche alla luce dei programmi europei), costituiti in imprese cooperative legalmente riconosciute o aziende, basate su rigorosi criteri economici ed ambientali, secondo quanto previsto nella Legge quadro n. 1766 del 1927.
2. L’Amministrazione Comunale o l'ASBUC (se presente) diventa socio dell’impresa cooperativa, con una quota non inferiore al 51%, conferendo come sua quota capitale le terre di uso civico ritenute idonee, con l’obbligo di rinvestire nell'azienda o in opere di miglioramento della zona, la quota di utili e mezzi ad essa spettante.
3. Il consiglio di amministrazione dell’azienda cooperativa è composto dai rappresentanti dei vari enti territoriali e pubblici coinvolti nel progetto di impresa e dai naturali residenti, con la quota di massimo il 49%.
4. Le modalità di raccolta e di esercizio degli usi civici da parte dell’impresa cooperativa sono determinati annualmente dall’Amministrazione comunale o dall'ASBUC (se presente).
5. Le utenze temporanee a privati come ad imprese e cooperative sono precarie in quanto annullabili anche unilateralmente, e si inquadrano nell'azione amministrativa per la quale “offrire” un terreno in concessione con obbligo di miglioria e pagamento del canone è sempre meglio che lasciarlo abbandonato, incolto e preda di eventuali nuove occupazioni.
5. La concessione, come anche l'arbitraria occupazione di terre civiche, prevede il pagamento di un canone di occupazione proporzionale al valore del terreno in base al comma 8 dell’art. 32 della Legge 724/1994. Il canone si annulla in caso di cooperativa comunale in cui il comune partecipa come socio al 51% conferendo come sua quota capitale le terre.

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: August 13, 2013, 00:49
Cita:

su lf vi è la proposta i117 di antonio digioia https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/initiative/show/117.html circa "Progetto integrato per un'agricoltura di qualità al servizio della comunità: gli Empori di Territorio e le Botteghe di Quartiere" a cui proposi questo suggerimento https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/suggestion/show/118.html circa l'Utilizzo dei Demani Comunali Civici per la produzione di prodotti locali lucani a km zero e con marchio di qualità.

la proposta ha raggiunto la fase di congelamento, il suggerimento non è stato inserito nella proposta i117 e quindi ho creato una proposta alternativa i199 all'indirizzo web https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/initiative/show/199.html che somma la proposta iniziale i117 con il suggerimento per l'utilizzo dei demani comunali civici.

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: September 3, 2013, 13:50
Cita:

il progetto asbuc si interseca anche con la proposta sugli LSU di franco bernardo proposta qui su lf https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/initiative/show/398.html

siccome nella formazione delle cooperative in agricoltura si possono utilizzare anche demani comunali civici, ho inserito questo suggerimento https://lqfb.bergamo5stelle.it/basilicata5s/suggestion/show/379.html

qui il testo del suggerimento:
DESCRIZIONE:
integrazione della legge regionale della basilicata n. 57/2000 sui demani comunali civici per la concessione di tali terre civiche ad Imprese Cooperative Comunali, con l'utilizzo dei fondi destinati agli LSU.

TESTO DA INSERIRE NELLA LEGGE REGIONALE DELLA BASILICATA 57/2000:
1. I terreni civici possono essere concessi, oltre che ai cittadini naturali residenti anche ad associazioni di naturali provvisti di requisiti di professionalità (coltivatori, mezzadri, affittuari, contadini, braccianti, pastori, giovani naturali interessati allo sviluppo dell’agricoltura, anche alla luce dei programmi europei), costituiti in imprese cooperative legalmente riconosciute o aziende, basate su rigorosi criteri economici ed ambientali, secondo quanto previsto nella Legge quadro n. 1766 del 1927, anche con l'utilizzo dei fondi destinati agli LSU nello sviluppo di forme di autoimprenditorialità.
2. L’Amministrazione Comunale o l'ASBUC (se presente) diventa socio dell’impresa cooperativa, con una quota non inferiore al 51%, conferendo come sua quota capitale le terre di uso civico ritenute idonee, con l’obbligo di rinvestire nell'azienda o in opere di miglioramento della zona, la quota di utili e mezzi ad essa spettante.
3. Il consiglio di amministrazione dell’azienda cooperativa è composto dai rappresentanti dei vari enti territoriali e pubblici coinvolti nel progetto di impresa e dai naturali residenti, con la quota di massimo il 49%.
4. Le modalità di raccolta e di esercizio degli usi civici da parte dell’impresa cooperativa sono determinati annualmente dall’Amministrazione comunale o dall'ASBUC (se presente).
5. Le utenze temporanee a privati come ad imprese e cooperative sono precarie in quanto annullabili anche unilateralmente, e si inquadrano nell'azione amministrativa per la quale “offrire” un terreno in concessione con obbligo di miglioria e pagamento del canone è sempre meglio che lasciarlo abbandonato, incolto e preda di eventuali nuove occupazioni.
5. La concessione, come anche l'arbitraria occupazione di terre civiche, prevede il pagamento di un canone di occupazione proporzionale al valore del terreno in base al comma 8 dell’art. 32 della Legge 724/1994. Il canone si annulla in caso di cooperativa comunale in cui il comune partecipa come socio al 51% conferendo come sua quota capitale le terre.

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Michele-
Labriola
Pro
Posts: 1486
Permalink
Post Re: Proposta per forme di democrazia diretta - gestione separata dei demani comunali civici - indizione elezioni comunali
il: November 5, 2013, 05:37
Cita:

E pensare che qualche lestofante diffamatore si è permesso di insinuare (oltre ad essere ignorante in materia) che la gestione diretta della comunità attraverso le asbuc vada contro la tutela dei boschi ... Pazzia totale!!!!!!!

Per chi non conoscesse la materia, quest'articolo chiarisce tutto: "Proprietà collettiva: valorizzare e tutelare i boschi con la gestione diretta della comunità"

http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2013/10/proprieta-collettiva-valorizzare-e-tutelare-i-boschi-con-la-gestione-diretta-della-comunita/

Secondo l'italiano medio "la politica è sporca" e se ne lava le mani, ma se lui non si occupa di politica, è la politica che si occupa di lui: LO SPOLPA VIVO, gli toglie ogni diritto! Ognuno vale uno, ma chi non partecipa vale ZERO ...

Pagine: 1 2 [3] 4
Mingle Forum by cartpauj
Versione: 1.0.34 ; Pagina caricata in: 0.209 secondi.
Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •