Benvenuto Ospite 

Mostra/Nascondi Header

Benvenuto ospite, scrivere in questo forum richiede registrazione.

Pagine: [1]
Autore ArgomentoTreni: la tratta Potenza-Salerno è tra le prime 4 peggiori d’Italia
Davide-
Mecca
Pro
Posts: 296
Permalink
Post Treni: la tratta Potenza-Salerno è tra le prime 4 peggiori d’Italia
il: December 9, 2013, 21:17
Cita:

Legambiente ha stilato la classifica delle 10 linee ferroviarie regionali peggiori d’Italia. La Tratta Potenza-Salerno non è in testa (pur essendo “ottimamente” piazzata) nonostante i tanti e vergognosi disagi che i passeggeri in viaggio tra il capoluogo lucano e la Campania devono sopportare ad ogni corsa. Non c’è settimana in cui non si parla di persone rimaste a piedi o soccorse (in ulteriore ritardo) da qualche autobus. Dopo aver letto la lista, però, si accentuano sostanzialmente 3 aspetti: c’è sempre chi sta peggio; il livello delle ferrovie è scarso in generale; non sono sufficienti i 20 milioni di euro che ogni anno la Regione Basilicata sborsa per il servizio.

Ecco l'elenco completo delle 10 tratte messe all'indice da Legambiente:

Circumvesuviana Un’autentica vergogna italiana. Dal 2011 al 2013 le corse sono state ridotte del 40% a fronte di oltre 100mila utenti al giorno.

Roma-Nettuno Una tratta di 52 km di cui 20 a binario unico, carrozze sovraffollate, ritardi cronici e disservizi. Il treno che parte da Nettuno alle 8.30, monitorato da Legambiente tra il 17 ottobre e il 21 novembre, ha totalizzato 400 minuti di ritardo ed è stato soppresso 2 volte.

13 linee ferroviarie pendolari tagliate a Torino Un'autentica beffa per i pendolari piemontesi che oltre ad avere subito i maggiori aumenti del costo dei biglietti hanno visto dal 2010 a oggi cancellare ben 13 linee.

POTENZA-SALERNO: Anche quando i treni non subiscono soppressioni improvvise i ritardi sono all’ordine del giorno, con convogli che non raggiungono i 50 km/h di velocità di media e impiegano 2 ore e mezza per arrivare a destinazione.

Padova-Belluno-Calalzo Gli utenti lamentano un peggioramento della qualità del servizio, con ritardi e soppressioni a sorpresa e senza alternative sostitutive su gomma. La linea è di 155 km che vengono percorsi a circa 50 km/ h.

Arquata Scrivia-Genova Brignole E’ la linea che collega Genova con il Piemonte, fino ad Arquata Scrivia (AL), 46 chilometri su 63 sono a binario unico.

Mantova-Cremona-Milano Su questa linea che collega due capoluoghi di Provincia con Milano i 10mila pendolari che ogni giorno la percorrono lamentano treni lenti, sovraffollati, vecchi e sporchi. Su 151 km ben 91 sono a semplice binario e vi sono decine di passaggi a livello, per cui da Mantova per Milano i tempi di percorrenza sono di 2 ore e 10 minuti, mentre da Cremona i tempi sono di un’ora e 10 minuti, esattamente come 40 anni fa.

Siracusa-Ragusa-Gela E’ una linea non elettrificata e a binario unico, dove la media di velocità è di 55 km/h, che collega tre Province.

Campobasso-Isernia-Roma Un unico binario tra Campobasso e Venafro è la ragione di tempi di percorrenza assai lenti che rendono gli spostamenti poco efficienti, oltre a treni in larga parte vecchi.

Bologna-Porretta Terme Gli utenti - almeno 10.000 al giorno con punte di 20.000 - denunciano continue soppressioni, quotidiani ritardi, guasti sempre più frequenti e scelte sbagliate come quella di inserire treni a doppio piano in orari di scarso afflusso e non di pendolarismo mentre in orari di punta le composizioni dei convogli risultano insufficienti.

Pasquale-
Infantino
Pro
Posts: 474
Permalink
Post Re: Treni: la tratta Potenza-Salerno è tra le prime 4 peggiori d’Italia
il: December 10, 2013, 11:28
Cita:

per collegare la Basilicata al resto dell' italia serve semplicemente migliorare le tratte Potenza-Salerno e Matera-Bari.
La questione è molto semplice...non servono fantomatiche idee geniali o aeroporti.

A livello nazionale e regionale può essere uno dei cavalli di battaglia del m5s lucano.

Maria Di-
Trani
Avanzato
Posts: 90
Permalink
Post Re: Treni: la tratta Potenza-Salerno è tra le prime 4 peggiori d’Italia
il: December 11, 2013, 01:32
Cita:

si servirebbe un treno .... COME DICE pASQUALE... ...sarebbe figo averne uno coast to coast.... per diffondere il turismo lucano anche nei paesini dell'entroterra oggi ho fatto un giro meraviglioso matera-maratea , attraverso la sinnica....paesaggi spettacolari!

Davide-
Mecca
Pro
Posts: 296
Permalink
Post Re: Treni: la tratta Potenza-Salerno è tra le prime 4 peggiori d’Italia
il: December 11, 2013, 15:19
Cita:

Treni regionali PZ-SA soppressi per vincolo nazionale

AGR - In relazione a prese di posizione e notizie di stampa circa l’eliminazione di due treni regionali sulla tratta Potenza-Salerno nel prossimo orario invernale delle Ferrovie dello Stato, si precisa che tale variazione è conseguente alla riprogrammazione obbligatoria imposta alla Regione Basilicata, così come a tutte le Regioni, dal Governo nazionale pena il mancato trasferimento dell’ultima tranche del fondo per il Trasporto Pubblico locale. I due treni in questione non erano conciliabili con i criteri posti alla base di tale riprogrammazione, ossia il coefficiente di viaggiatori, il rapporto costo ricavi e l’impatto occupazionale conseguente, e in particolare, si è notato che il milione e mezzo che la Basilicata spendeva ogni anno per consentire questi due viaggi finiva col rendere un servizio più ai cittadini campani che non ai lucani. Il treno era infatti utilizzato da circa una quindicina di persone in partenza o in arrivo nelle stazioni lucane, mentre si riempiva di oltre un centinaio di viaggiatori nel tratto tra Eboli, Battipaglia e Salerno. Sia per il treno diretto a Salerno (partenza ore 6.07) che per quello di ritorno a Potenza (delle ore 9.37), inoltre, esistono alternative possibili a poca distanza temporale, ossia in partenza dal capoluogo lucano c’è n pullman delle Fs in partenza 27 minuti prima e un treno regionale che pur partendo 53 minuti dopo arriva a destinazione solo 35 minuti dopo il treno che sarà eliminato, e in partenza da Salerno c’è un intercity che parte appena 4 minuti prima del convoglio soppresso. Gli uffici regionali stanno ora lavorando per provare a definire fermate intermedie che elimino i disagi per i viaggiatori che fruiscono delle stazioni lucane situate lungo il percorso. La riprogrammazione effettuata, approvata dall’Osservatorio regionale dei trasporti di cui fanno parte Anci, Province e sindacati, con il milione e mezzo di risparmio conseguito grazie a questo unico intervento ha consentito di coprire l’aumento dei costi per gli adeguamenti contrattuali senza intervenire né sul trasporto su gomma, che rappresenta il 90% del trasporto pubblico lucano, né sul resto del servizio ferroviario rispondendo ai vincoli che erano stati posti dal Governo Nazionale. In proposito è bene precisare che il lavoro fatto dalla “cabina di regia” nazionale sul Trasporto Pubblico Locale, di cui fa parte anche la Regione Basilicata con l’assessore Luca Braia, ha già portato al conseguimento della standardizzazione del fondo nazionale sul Trasporto Pubblico Locale rispetto alle precedenti ipotesi di tagli successivi, ma sta continuando a lavorare per ottenere un quadro di risorse che consenta il miglioramento del servizio. In particolare la richiesta è di riconoscere i fondi aggiuntivi per gli adeguamenti contrattuali, che diversamente devono essere ripianati con fondi regionali o con eliminazione di servizi, e di non assoggettare al Patto di Stabilità né i fondi per i contratti di servizio né i fondi per gli investimenti nel settore trasporti, situazione che attualmente, porta la Basilicata a non poter effettuare regolarmente il saldo di quanto previsto nei vari contratti di esercizio del Trasporto in generale, compreso quello con Trenitalia, pur avendo la relativa disponibilità di cassa.

Pagine: [1]
Mingle Forum by cartpauj
Versione: 1.0.34 ; Pagina caricata in: 0.162 secondi.
Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •