Benvenuto Ospite 

Mostra/Nascondi Header

Benvenuto ospite, scrivere in questo forum richiede registrazione.

Pagine: [1] 2
Autore Argomento Punti programmatici TURISMO
Angela-
Calia
Avanzato
Posts: 76
Permalink
Post Punti programmatici TURISMO
il: October 6, 2013, 19:55
Cita:

Ciao a tutti,

Come annunciato, essendo la Capogruppo del punto TURISMO, riporto i PUNTI PROGRAMMATICI che saranno sviluppati in modo più completo nella prossima settimana da tutti i componenti che hanno voluto parteciparvi:

I punti che riporto qui di seguito potranno essere i punti base su cui ognuno di noi può dare consigli o fare considerazioni.

- RIQUALIFICAZIONE DEL TERRITORIO: BONIFICA, CURA E VALORIZZAZIONE DI TUTTO IL TERRITORIO, SUDDIVIDENDOLO IN MACRO-AREE IN CUI POTRANNO ESSERE IDENTIFICATI I PUNTI DI FORZA* DI OGNI AREA CHE POTRANNO ESSERE SUDDIVISI IN TURISMO MIRATO (ES: MARATEA - punto di forza della costa Tirrenica; MATERA - punto di forza della collina materana; POLICORO - punto di forza della costa Jonica; etc.)

- FORMAZIONE E PROFESSIONALIZZAZIONE DEGLI ADDETTI TURISTICI E DELL'INDOTTO COMMERCIALE: LA FORMAZIONE SARA' SPECIFICA E MIRATA PER OGNI CAMPO (ALBERGHIERO, RISTORAZIONE, ADDETTI PUNTI INFORMATIVI, ETC.) CON APPRENDISTATO E LEARNING/TRAINING ON THE JOB, CON PREVALENZA PARTECIPATIVA E PREFERENZA PER GLI ABITANTI DEL LUOGO (LUCANI MA SOPRATTUTTO ABITANTI DEGLI STESSI PAESI/COMUNI DI RIFERIMENTO).

- FINANZIAMENTI E/O AGEVOLAZIONI PER RISTRUTTURAZIONE (eviterei le NUOVE costruzioni per un NO al cemento, sempre che non sia necessario in luoghi in cui non ce ne siano) DI B&B, ALBERGHI DIFFUSI, RISTORANTI, TRATTORIE ECOCOMPATIBILI.

- IMPLEMENTAZIONE DI UNA RETE DI COMUNICAZIONE FISSA CON TOUR OPERATOR, SIA LOCALI PER INCOMING, SIA ESTERNI CON PROGETTI TURISTICI FINALIZZATI E MIRATI (ES: Vacanze invernali, Vacanze estive, Vacanze culturali, Vacanze in Camper, Vacanze in Moto, etc.)

- SINERGIA FORTE E PERSISTENTE CON LA SCUOLA FIN DALLE SCUOLE ELEMENTARI E MEDIE, IN CUI LO STUDIO DELLA LINGUA STRANIERA E DELLA STORIA ARTISTICA, CULTURALE, GEOGRAFICA E NATURALE DEL TERRITORIO SIA INTRODOTTO NEI VARI PROGETTI SCOLASTICI NONCHE' DIDATTICI, E SIANO PUNTI FORMATIVI E DI STIMOLO AI RAGAZZI PER INNAMORARSI DELLA PROPRIA TERRA PER CREARNE IL PROPRIO BAGAGLIO ED IL LORO FUTURO. (Marianna ci saprà ben delucidare questo punto molto interessante)

*I PUNTI DI FORZA sono quei centri più conosciuti che già da soli attirano il turismo, ma che possono essere trampolini di lancio per far scoprire le zone circostanti con tour e gite organizzate. ES: MATERA - ogni hotel e/o ristorante avrà pubblicità e sponsorizzerà tour per la collina materana e quindi visita anche a MIGLIONICO, MONTESCAGLIOSO, POMARICO, etc.

I suddetti punti sono suscettibili a modifiche e o suggerimenti.

Angela e il GRUPPO TURISMO

Mario-
Scalcione
Pro
Posts: 676
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 7, 2013, 19:31
Cita:

) Migliore organizazzione degli uffici regionali e periferici e degli enti pubblici che si occupano di turismo.
2)Snellire la macchina burocratica ,le lungagini burocratiche per l'avvio di nuove attività in campo tuistico.
3) Procedere ad una nuova organizazzione del personale degli uffici,facendo del Marketing il volano strategico per lo sviluppo turistico lucano. Ricercando all'interno dell'amministrazione personale con esperienza e formazione in marketing.Se non ci sono bisogna crearli.

Un'azienda puo fare il miglior prodotto del mondo, ma se non lo sa vendere, la sua fine è la chiusura

Mario-
Scalcione
Pro
Posts: 676
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 7, 2013, 19:45
Cita:

*I PUNTI DI FORZA sono quei centri più conosciuti che già da soli attirano il turismo, ma che possono essere trampolini di lancio per far scoprire le zone circostanti con tour e gite organizzate. ES: MATERA

Punto di forza di tutta la regione Basilicata"i SASSI di Matera"

I numeri lo confermano, la belleza dei sassi è fuori discussione,la visibilità e le presenze straniere ed italiane nei sassi la rendano la meta più frequentata di tutta la regione, il turismo nei sassi non è più stagionale, ma si snoda per tutto l'arco dell'anno.

Puntare sui Sassi che sono la nostra Gioconda ( svolge un ruolo da traino per il louvre) come traino per fare e conoscere visitare tutta la basilicata.

Ho gia proposto, su LF un idea nei SASSI per creare la via dei COMUNI LUCANI.

Image

Angela-
Calia
Avanzato
Posts: 76
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 7, 2013, 22:32
Cita:

Perfettissimo Mario... le tue proposte rientrano nel programma, anche se il tuo Punto 3) lo inserirei nel punto 2, quello sulla formazione e professionalizzazione.

I tuoi punti sulla BUROCRAZIA e soprattutto sulla rimodulazione degli Enti Turistici si possono accorpare e completare con i punti che aggiungo qui sotto, suggeriti da Enzo Palazzo:

1 - Chiusura dell'Agenzia per il turismo, Apt, ricollocamento dei dipendenti in altre aree pubbliche, e blocco di tutti i progetti (e i ripianamento dei debiti in corso dei suoi progetti fallimentari – vedi Grancia) realizzati o da realizzare e definiti attrattori turistici (come ad esempio, il realizzando “sbarco dei greci” a Senise che ha un costo di 20 milioni di euro).

2 – Ripristinare l’Abs, l’Associazione Basilicata Spettacolo; È uno strumento sociale di importanza elevata per migliorare le condizioni di vita sociale nei nostri comuni. Di fatto, i Comuni che si associavano, potevano avere un cartellone teatrale e di manifestazioni varie di alto livello artistico e con attori e artisti nazionali di fama. L’attività dell’Abs era sia direttamente organizzata nei comuni associati, e sia, in caso di grandi spettacoli estivi, anche organizzata in macro-aree geografiche (Vulture, Matera, Metapontino, Maratea, Potenza). Il ripristino del circuito dell’Abs (tolto per calcolo clientelare dopo che il Comune di Potenza chiese e ottenne di uscir fuori dall’Abs e di tenersi i 70 milioni di vecchie lire che versava al circuito nazionale Abs), può essere abbinato a un recupero dei teatri storici lucani, favorendo anche l’associazionismo artistico municipale e cercare di ridare vita sociale nei nostri comuni;

Grazie a Mario e ad Enzo.

Mario-
Scalcione
Pro
Posts: 676
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 8, 2013, 14:06
Cita:

Cita da: Mario Scalcione il October 7, 2013, 19:45
*I PUNTI DI FORZA sono quei centri più conosciuti che già da soli attirano il turismo, ma che possono essere trampolini di lancio per far scoprire le zone circostanti con tour e gite organizzate. ES: MATERA

Punto di forza di tutta la regione Basilicata"i SASSI di Matera"

I numeri lo confermano, la belleza dei sassi è fuori discussione,la visibilità e le presenze straniere ed italiane nei sassi la rendano la meta più frequentata di tutta la regione, il turismo nei sassi non è più stagionale, ma si snoda per tutto l'arco dell'anno.

Puntare sui Sassi che sono la nostra Gioconda ( svolge un ruolo da traino per il louvre) come traino per fare e conoscere visitare tutta la basilicata.

Ho gia proposto, su LF un idea nei SASSI per creare la via dei COMUNI LUCANI.

Image

guardando i numeri delle presenze straniere a Matera, sarebbe da incoscienti non valorizzare queste presenze in ambito regionale , promuovendo l'intera regione, per questo l'obbietivo che la regione si deve proporre sui sassi è farne una vetrina di tutta la regione.Una vetrina permanente della basilicata
Image

antonio-
MANICONE
Pro
Posts: 248
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 9, 2013, 13:35
Cita:

Mi rendo conto che quanto sto per proporre può rientrare nel primo punto "riqualificazione del territorio", ma ritengo sia importante sottolineare e approfondire il ruolo dei porti turistici, della cementificazione degli argini fluviali e delle estrazioni di inerti, nel grave problema dell'erosione delle coste che sta mettendo in ginocchio le piccole e medie imprese turistiche che operano già tra mille difficoltà.
Altro punto che pongo all'attenzione del gruppo è la destagionalizzazione dei flussi turistici, concentrati, ahimè, solo nel periodo agostino.

Mario-
Scalcione
Pro
Posts: 676
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 9, 2013, 17:49
Cita:

vi riporto i dati dell'umbria per fare una conparazione con la nostra regione, tenendo conto che l'umbria non ha il mare,confrontandoli non possiamo non notare, che siamo molto indietro, e se la carta del turismo cè la giochiamo bene puo essere il volano di sviluppo ecosostenibile della nostra regione..

Image
Image

Mario-
Scalcione
Pro
Posts: 676
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 9, 2013, 18:22
Cita:

Cita da: Mario Scalcione il October 8, 2013, 14:06

Cita da: Mario Scalcione il October 7, 2013, 19:45
*I PUNTI DI FORZA sono quei centri più conosciuti che già da soli attirano il turismo, ma che possono essere trampolini di lancio per far scoprire le zone circostanti con tour e gite organizzate. ES: MATERA

Punto di forza di tutta la regione Basilicata"i SASSI di Matera"

I numeri lo confermano, la belleza dei sassi è fuori discussione,la visibilità e le presenze straniere ed italiane nei sassi la rendano la meta più frequentata di tutta la regione, il turismo nei sassi non è più stagionale, ma si snoda per tutto l'arco dell'anno.

Puntare sui Sassi che sono la nostra Gioconda ( svolge un ruolo da traino per il louvre) come traino per fare e conoscere visitare tutta la basilicata.

Ho gia proposto, su LF un idea nei SASSI per creare la via dei COMUNI LUCANI.

Image

guardando i numeri delle presenze straniere a Matera, sarebbe da incoscienti non valorizzare queste presenze in ambito regionale , promuovendo l'intera regione, per questo l'obbietivo che la regione si deve proporre sui sassi è farne una vetrina di tutta la regione.Una vetrina permanente della basilicata
Image

Metto all'attenzione i dati di assisi, per confrontarli con i sassi
Image
Image
Image

Mario-
Scalcione
Pro
Posts: 676
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 10, 2013, 16:22
Cita:

Cita da: Mario Scalcione il October 7, 2013, 19:31
) Migliore organizazzione degli uffici regionali e periferici e degli enti pubblici che si occupano di turismo.
2)Snellire la macchina burocratica ,le lungagini burocratiche per l'avvio di nuove attività in campo tuistico.
3) Procedere ad una nuova organizazzione del personale degli uffici,facendo del Marketing il volano strategico per lo sviluppo turistico lucano. Ricercando all'interno dell'amministrazione personale con esperienza e formazione in marketing.Se non ci sono bisogna crearli.

Un'azienda puo fare il miglior prodotto del mondo, ma se non lo sa vendere, la sua fine è la chiusura

vi allego questa ricerca che da base alla mia proposta.Una cosa è certa: i conti non tornano. Almeno, non tornano dappertutto. Chi pensava che l'attribuzione di competenze sul turismo alle Regioni, avvenuta con la pasticciata e controversa riforma del titolo V della Costituzione voluta nel 2001 da un centrosinistra all'inseguimento della Lega Nord, avrebbe finalmente fatto ripartire quello che dovrebbe essere uno dei principali motori della nostra economia, deve vedersela adesso con i numeri. Uno innanzitutto: 939 milioni e 600 mila euro. Secondo uno studio recentissimo della Confartigianato è questa la somma (enorme) che nel triennio 2009-2011 hanno investito in media annualmente per la promozione turistica le 21 Regioni e Province autonome italiane. Con il risultato che mentre la spesa aumentava quasi ovunque a ritmi impetuosi, non si registrava lo stesso tasso di crescita per arrivi e presenze.
Per non dire del paradosso più paradossale. Quello per cui chi più spende, meno turisti ha.

VALLE D'AOSTA IN CIMA - In questo campionato risulta saldamente in testa la Valle d'Aosta. Grazie alla formidabile autonomia di cui gode, che le garantisce disponibilità finanziarie rilevanti, la Regione presieduta ora da Augusto Rollandin ha impiegato nel sostegno al turismo ben 50,2 milioni di euro in media l'anno. Occupando però, nonostante le sue meravigliose montagne e una spesa di 16,1 euro per ogni presenza, soltanto il diciannovesimo posto su ventuno nella graduatoria nazionale. All'opposto geografico c'è da dire che anche la Sicilia si difende bene, quanto a denari gettati nella mischia. Nel triennio compreso fra il 2009 e il 2011 la Regione che presiede da circa un anno Rosario Crocetta ha investito mediamente 126 milioni e mezzo l'anno. Ovvero, 9,2 euro per ciascuna presenza. Una somma inarrivabile anche per chi, come la Provincia autonoma di Trento (quasi 91 milioni), il Friuli-Venezia Giulia (77 milioni e mezzo) e la Campania (76,9 milioni), certo non ha dato esempio di avarizia. Peccato solo che le presenze turistiche in Sicilia siano un terzo di quelle dell'Emilia Romagna, Regione che ha speso in promozione neppure la metà (56,9 milioni l'anno): addirittura meno di un sesto (un euro e 50 centesimi) se poi si divide la somma complessiva per il numero di presenze.

MOLISE E BASILICATA - Soltanto il Molise e la Basilicata hanno speso come la Sicilia, naturalmente in proporzione ai turisti arrivati nella Regione. Ma se la Regione siciliana, pur avendo speso per ogni presenza una cifra seconda solo a quella della Valle d'Aosta, è decima nella classifica del turismo, il Molise e la Basilicata sono invece rispettivamente ultimo e penultimo. Come per la Valle d'Aosta c'entrano sicuramente anche le dimensioni territoriali, che penalizzano le Regioni più piccole. È però un fatto (e sorprendente) che alla spesa proporzionalmente più elevata corrisponda il minor numero di presenze. Altrettanto incontrovertibile è che le sei Regioni e Province a statuto speciale (Sicilia, Sardegna, Friuli-Venezia Giulia, Valle d'Aosta, Trento e Bolzano) assorbano il 46,4 per cento del budget complessivo, contro il 4 per cento del Veneto. Ma con una spesa di 436,3 milioni riescono a portare appena un terzo in più dei turisti attirati in Veneto, dove l'investimento per la promozione non supera annualmente 37 milioni e 700 mila euro. Somma undici volte e mezzo inferiore.

60 CENT A TURISTA - La conclusione è che la Regione con il numero di presenze più elevato in assoluto è quella che in assoluto spende la cifra minore: 60 centesimi a turista. E che ci sia una relazione inversa fra la spesa e il numero dei turisti, diciamo la verità, non sembra per niente logico. Il caso del Veneto, peraltro, non è affatto isolato. Pare addirittura che questa sia una specie di regola. C'è anche la Toscana, Regione che occupa il secondo posto nella graduatoria turistica pur investendo un euro e 50 a presenza. Esattamente quanto l'Emilia Romagna, terza in classifica. O quanto la Lombardia, che occupa la quarta posizione e in tre anni ha speso meno della Valle d'Aosta. Mentre la Regione Lazio, quinta, spende un euro e dieci centesimi a presenza, poco più di un nono della Sicilia. E addirittura un quindicesimo della Valle d'Aosta. Un abisso tale, rispetto ad altre situazioni, da far sospettare all'ufficio studi della Confartigianato «che nelle uscite delle Regioni si annidino inefficienze, diseconomie di scala in particolare per le Regioni più piccole, inappropriatezze e sprechi». Magari fosse solo un sospetto...

Mario-
Scalcione
Pro
Posts: 676
Permalink
Post Re: Punti programmatici TURISMO
il: October 10, 2013, 16:31
Cita:

E spende parecchio anche la Basilicata, 48,82 euro per ognuno dei suoi appena 493mila visitatori

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/08/04/quando-gli-spot-costano-troppo-ecco-gli.html

Pagine: [1] 2
Mingle Forum by cartpauj
Versione: 1.0.34 ; Pagina caricata in: 0.234 secondi.
Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •