Benvenuto Ospite 

Mostra/Nascondi Header

Benvenuto ospite, scrivere in questo forum richiede registrazione.

Pagine: [1]
Autore Argomentointegrazione programma sanità
sinisgalll-
i
Nuovo
Posts: 7
Permalink
Post integrazione programma sanità
il: August 6, 2013, 11:01
Cita:

nell'ambito dei punti critici dell'interazione tra la erogazione delle prestazioni e dei servizi sanitari e l'accesso della utenza agli stessi esistono alcune priorità che dovrebbero essere assolutamente realizzate in quanto oltre a non costituire un grosso aggravio di costi, in molti casi richiederebbero soltanto una riorganizzazione o rimodulazione dell'esistente e più particolarmente:
1) Istituzione presso ogni comune di uno sportello poli funzionale che consenta al cittadino di effettuare la scelta del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta convenzionato con cancellazione/iscrizione d'ufficio alla anagrafe sanitaria regionale (o delle Aziende Sanitarie) dei deceduti dei trasferiti fuori regione dei nuovi iscritti in qualità di residenti e dei nuovi nati, oltre che delle cancellazioni d'ufficio dei deceduti e dei trasferiti in carico ai medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera scelta (sia i Comuni che le Aziende Sanitarie utilizzano lo stesso programma informatico della SoGeI).
2) Istituzione di poliambulatori che svolgano attività di medicina specialistica (anche pediatrica laddove la scelta del pediatra diventa difficile o impossibile. penso ad alcuni paesi dell'entroterra nei quali circa 10.000 bambini da 0 - 6 anni non fruiscono di tale tipo di assistenza pur prevista obbligatoriamente dalla vigente normativa) SERT e consultoriale e per gruppi di comuni debitamente accorpati secondo le particolarità orografiche del territorio nei quali sia consentito anche di svolgere le normali attività di pronto soccorso ed in particolare;
• codice verde: è attribuito a persone che non corrono un rischio immediato (fratture, traumi, ecc...) e possono attendere di essere visitati solo dopo i codici più gravi;
• codice bianco: riguarda pazienti che non avrebbero motivo di rivolgersi al P.S. e il tempo di attesa in questi casi può essere anche molto lungo poiché tutti gli altri codici hanno la precedenza.
sarebbe auspicabile che presso i poliambulatori venissero previsti anche i punti relativi alle postazioni di Medicina di Continuità Assistenziale (Guardia Medica) e quelli relativi alla Emergenza Urgenza (118) in modo da poter provvedere in maniera efficace alla risoluzione dei casi inerenti agli interventi di cui al codice rosso o al codice giallo.
(il codice rosso: è attribuito alle persone in pericolo di vita (arresti cardiaci, traumi molto gravi ed estesi, emorragie, ecc...) che hanno bisogno di un intervento immediato e hanno quindi la precedenza assoluta e il codice giallo: è attribuito a persone con problemi gravi (dolore toracico, problemi respiratori, dolore intenso, ecc...) che devono essere tenuti sotto controllo e visitati nel minor tempo possibile;)
3) Rimodulazione degli incarichi di Continuità Assistenziale (attualmente sono in numero pari se non superiori agli incarichi di Medicina Generale) ed utilizzo prioritario degli esuberi per l'Emergenza Urgenza (118).
4) Snellimento della normativa attinente alla esenzione e rimodulazione del ticket regionale di accesso alle prestazioni farmaceutiche e specialistiche. Rideterminazione degli stessi ticket per alcune prestazioni per le quali il pagamento del ticket nazionale, sommato a quello regionale, viene a determinare un costo superiore alla prestazione stessa con una perdita di somme introitate dalle Aziende Sanitarie a tutto vantaggio dei Centri Privati Convenzionati.
5) Riduzione delle liste di attesa per le prestazioni specialistica di diagnostica strumentale e per immagine, con intervento mirato attraverso l'azione delle aziende sanitarie (acquisto dei macchinari necessari e incremento del personale) a soddisfare la domanda dell'utenza entro tempi ragionevoli (attualmente una mammografia a Potenza richiede circa due anni e siamo pure la regione all'avanguardia per lo scrrening dei tumori alla mammella)

Cristiano-
Fittipaldi
Principiante
Posts: 27
Permalink
Post Re: integrazione programma sanità
il: September 30, 2013, 20:57
Cita:

Siccome liquid feedback sembra una piattaforma non certificata, omincio qui a riportare alcune delle mie idee sul programma regionale inerente alla sanità.
Una è la solita, l'ho postata e ripostata su LF settimane fa, ma non aveva mai raggiunto il quorum, e si tratta di una proposta sulla RIDEFINIZIONE DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA). Ora copio e incollo, e chi non la conosce, la legge:

"vorrei porre nuovamente alla vostra attenzione, in questo caso un po piu seriamente considerando che è una proposta che andrà ai voti, una questione - già riportata sul portale basilicata5stelle - che sta riguardando un po tutti i centri di riabilitazione NEUROMOTORIA della nostra regione. Potrei quindi sembrare ripetitivo per alcuni di voi, che già mi hanno letto o gia altre volte hanno ascoltato questa mia istanza, ma siccome qui siamo tanti e si discute di proposte per il programma regionale credo non possiamo esimerci dal discutere di una situazione così gravosa per molti ammalati della nostra regione.

C'è da sottolineare prima di tutto il fatto che i centri di riabilitazione neuromotoria (per gli ignoranti in tema sanitario) sono centri di riabilitazione che trattano patologie GRAVI E SERIE, sia pediatriche che geriatriche e non solo, quindi parliamo di down, paralisi cerebrali infantili, ictus, parkinson, sclerosi multipla o laterale amiotrofica etc etc... quest'inciso per mettere subito un paletto e scansarmi dalle malizie che spesso vogliono accusare i centri di riabilitazione che RICEVONO CONCESSIONI dalle ASL come centri in cui facilmente possa incidere la spesa pubblica e lo sperpero di denaro pubblico. Da un certo punto di vista, abituati a come ci hanno fatto interpretatre la politica fino ad oggi, effettivamente è così: quando un soggetto "qualunque" ha in mano denaro pubblico la natura dell'essere umano lo porta a impossessarsi di parte di quel denaro, o comunque a impossessarsi di certi privilegi che gli consentono di esercitare una forma di potere che normalmente non si avrebbe.
Non vorrei esulare però troppo dal discorso base.
Io credo (e questo certamente lo crede chiunque si trovi all'interno del MoVimento 5 stelle) che non si debba utilizzare la sanità come pretesto per scambio di favori, COME RICHIESTA DI VOTI. La sanità è un tassello fondamentale per la nostra civiltà, e la riabilitazione neuromotoria è una parte della sanità che incide sul recupero o sul mantenimento funzionale di un soggetto colpito suo malgrado, dalla nascita o in età avanzata, da malattie altamente invalidanti.
Chi osa giocare sulla pelle di questi soggetti, per cui in campagna elettorale promette un miglioramento dei loro trattamenti e un ampliamento delle risorse economiche, CHE SOLO UN ANNO PRIMA SONO STATE DRASTICAMENTE RIDOTTE DA ESSO STESSO, è un soggetto ipocrita e che non meriterebbe di occupare nessunissima carica politica.
Il M5S tiene come pilastro portante il cittadino e i servizi di cui questo può e deve usufruire nel rispetto delle regole e delle concessioni, e crede fermamente che la revisione di spesa debba sì partire anche da queste situazioni non ben definite, entrando quindi nei meriti e obbligando le strutture concessionarie di fondi pubblici a rendicontare a fine esercizio un BILANCIO, COME FA QUALSIASI ALTRA AZIENDA. Se non si pone questo vincolo legale per i concessionari di fondi pubblici, di cui il sistema sanitario è pieno in tutta Italia, la revisione di spesa non potrà mai essere effettuata in modo capillare, e si andrà più facilmente ad intaccare il servizio che la struttura dovrebbe erogare al cittadino, anzichè le spese che quella struttura effettua in maniera impropria.
Infine, crediamo che, in sede di campagna elettorale, non si possa non sottolineare il fatto che il M5S ci tiene a riportare a livelli accettabili e non clientelari la cura del cittadino, sottolineando quindi - senza paura - quanti di noi si sono avvicendati a medici, a sanitari in generale, a "capi e capetti" per avere un trattamento di privilegio di cui dovremmo godere SENZA SE E SENZA MA, e soprattutto senza concedere i regalini al funzionario di turno!!!
La sanità non si scambia. La sanità è' un diritto.
Chiedo quindi ad ognuno di voi che leggerà questa proposta di sostenerla per inserirla nel programma regionale del MoVimento.
Grazie a tutti"

Questa era la mia proposta da portare ai voti. Ora, da quanto discusso con Piernicola domenica a Matera, dovremmo creare questi gruppi di lavoro e sintetizzare al massimo le proposte da girare poi durante la campagna elettorale: SLOGAN e breve spiegazione del contenuto della proposta mentre si parla alla platea.
Come ci organizziamo? Dobbiamo vederci, o Piernicola si prende la briga di continuare nella stesura della sintesi, man mano che le proposte vengono fatte e inviare via mail a tutti i componenti del gruppo sanità la sintesi, una volta completata?

Pagine: [1]
Mingle Forum by cartpauj
Versione: 1.0.34 ; Pagina caricata in: 0.112 secondi.
Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •