Mancato Bilancio, Pittella promette mari e monti con la sua finanza creativa.

A differenza di quanto affermato frettolosamente dal Presidente Pittella nella sua diretta su facebook di qualche giorno fa, la situazione del Bilancio regionale è tutt’altro che risolta.

La presunta approvazione in Giunta di tale atto infatti non significa che lo stesso sia stato approvato, come invece sostenuto dal Presidente. Il Bilancio deve infatti ancora essere discusso dalle Commissioni e dal Consiglio regionale e poi approvato.

Al momento la Regione è ancora in alto mare e i rilievi della Corte dei Conti sono emblematici e dimostrano quanto siano false le dichiarazioni del Presidente Pittella.

Ancora gravi problemi sollevati dalla Corte dei Conti soprattutto per alcune scelte che appaiono molto discutibili.

1) Aumento delle spese di personale per l’area dirigenziale;

2) gestione delle Royalties;

3) Campus FCA;

4) Aeroporto Salerno -Pontecagnano;

sono queste le voci maggiormente incriminate e i rilievi che non sono stati ancora superati.

Ma nonostante questa gravissima situazione, continuano gli spot elettorali e le marchette da parte di chi senza alcuna vergogna continua a promettere posti di lavoro e soluzioni a problemi atavici.

Un esempio è quello dei forestali, il più eclatante e l’ultimo in ordine di tempo. Soluzione di tutti i problemi che per anni la politica regionale non ha saputo affrontare, soluzione naturalmente che arriverà nel 2019 dopo le elezioni regionali. A pensar male si fa peccato, ma questa volta crediamo di azzeccare nel dire che si tratta dell’ennesima farsa ai danni dei cittadini lucani che vivono situazioni di difficoltà reale e che vengono utilizzati per meri fini elettorali da una classe politica senza scrupoli.

Il “rivoluzionario” Pittella continua a speculare sul dramma della disoccupazione, soprattutto giovanile, in Basilicata, promettendo ben 1300 posti di lavoro. Purtroppo i numeri forniti da Ires Cgil sono impietosi e certificano il fallimento di questo governo regionale: nella media 2017 gli occupati sono diminuiti del 2,2% rispetto al 2016, nella fascia d’età che va tra i 15 e i 34 anni torna a calare l’occupazione (-7,2%), sono circa 40 mila i giovani under 35 della Basilicata occupati nel 2017 a fronte dei circa 56 mila del 2008.

Voglio ricordare i progetti fallimentari degli ultimi 15 anni: il famoso “Patto con i Giovani” del 2006 costato ai lucani 81 milioni di euro; il disastroso “Un Ponte per l’Occupazione”, grazie al quale centinaia di giovani lucani hanno ricevuto un voucher da 10.000 euro come incentivo alle assunzioni o all’auto imprenditorialità, che però si è rivelato come sempre solo un Business per le filiere delle agenzie di formazione, su questo blog si possono leggere tante storie dei cosiddetti “pontisti”. Ricordo il flop totale Garanzia giovani progetto partito il 1° maggio 2014, che a fronte di una  dotazione finanziaria pari a 17.207.780,00 euro in Basilicata ha prodotto l’attivazione di 2.632 tirocini, ma i posti di lavoro effettivamente creati sono solamente 405 a tempo indeterminato e 35 a tempo determinato, si deduce quindi che Pittella e soci sono riusciti a trasformare Garanzia Giovani in uno strumento che non favorisce l’occupazione giovanile, bensì ma lo sfruttamento da parte delle imprese, che beneficiano del turn over dei tirocinanti.

Inoltre, voglio evidenziare come già due anni fa ebbi modo di evidenziare con una visita direttamente all’aeroporto di Salerno-Pontecagnano come fosse illogico che la Regione Basilicata sprecasse risorse pubbliche per un progetto che non si comprende bene a chi porterà giovamento. Una denuncia politica che all’epoca è caduta nel silenzio e che oggi torna attuale alla luce di quanto rilevato dalla Corte dei Conti. Ancora una volta mi sembra che la politica si limiti a considerare gli interessi di pochi e ad utilizzare denaro pubblico per favorire poche persone, invece di investire in quelle infrastrutture che possono essere utili per l’intera Regione.

Gianni Leggieri
Portavoce M5S Basilicata

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked (required)

Iscriviti alla Newsletter

Amministrazione Trasparente
Calendario
Archivi