ATER Matera: qui l’incarico esterno è di casa. Pittella venga ad illuminarci in Consiglio Regionale.

Dopo aver certificato la situazione di immobilismo che caratterizza l’operato  dell’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale Pubblica (ATER) di Matera, siamo andati ad analizzare più a fondo alcuni strani affidamenti esterni che l’Azienda ha effettuato nell’ultimo quinquennio.

Appare molto strano che un ente che dedica il 49% delle sue risorse finanziare (oltre 2 milioni di euro per 39 dipendenti per un totale di 51.622 euro lordi in media a dipendente), conceda con molta leggerezza incarichi professionali a soggetti esterni alla pubblica amministrazione.

Per codesti affidamenti l’ATER deve sottostare a quanto elencato ai comma 6 e 6 bis dell’art. 7 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165: l’ATER prima di affidare incarichi ad esterni deve controllare che gli stessi non possano essere svolti dal personale già a sua disposizione e soprattutto addurre adeguate motivazioni per eventuali affidamenti esterni, che restano eccezionali. Piccoli accorgimenti che sembrano non essere di casa all’ATER Matera.
Negli ultimi 2 anni siamo riusciti a rintracciare ben 13 affidamenti di incarichi legali ad avvocati esterni (alcuni, forse più fortunati di altri, hanno ricevuto più di un incarico), nonostante la stessa ATER abbia in dotazione un ufficio legale. Lo stesso Amministratore Unico, Dott. Vito Lupo, ben conscio dell’eccessivo numero di dipendenti dell’ente, nel corso di quest’anno ha chiesto addirittura l’assunzione di ulteriore personale, andando a  sbattere contro il parere negativo della giunta regionale. Non pago, sempre lo stesso Lupo ha deliberato affinchè si ricorresse ad una “short list” di avvocati esterni dalla quale attingere per eventuali affidamenti, provvedimento poi revocato in autotutela.  

Vorremmo vedere cotanta vitalità amminstrativa da parte di Lupo anche per quanto riguarda la vera mission dell’ ATER ovvero quella garantire ai cittadini lucani che non riescono a comprarla o affittarla sul mercato immobiliare un’abitazione dignitosa.  Fino a questo momento questa mission è venuta meno ed i dati parlano chiaro: si costruiscono pochissimi nuovi appartamenti rispetto alla domanda di case popolari, manutenzione ordinaria e straordinaria sono quasi assenti e l’ente non è capace di incassare i crediti.

In attesa dei chiarimenti annunciati da Vito Lupo sulla questione delle short list,  abbiamo chiesto a Pittella di riferire in Consiglio sulle misure che intende adottare per impedire che l’ATER Matera possa disporre ulteriori affidamenti diretti di incarichi professionali e/o legali all’esterno;  siamo poi curiosi di sapere quanti sono gli incarichi legali affidati ad avvocati esterni nell’ultimo quinquennio (2010 – 2015) dall’ATER Matera e a quanto ammontano complessivamente le spese legali sostenute in conseguenza di tali incarichi; infine, vista la constatata sterilità nell’azione dell’amministratore unico in carica, ci chiediamo se non sussitano i presupposti per revocare l’incarico al Dott. Vito Lupo.

Il diritto alla casa merita più rispetto e non può più essere subordinato alla logica clientelare tanto cara ai pubblici amministratori della nostra terra.

Qui testo interrogazione

Gianni Perrino
Capogruppo M5S Basilicata – Consiglio Regionale

 

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked (required)

Amministrazione Trasparente
Iscriviti alla Newsletter

Calendario
Archivi