Aumento delle estrazioni petrolifere: ennesimo bluff a danno dei lucani

I portavoce-consiglieri regionali del M5S, Perrino e Leggieri, insieme al candidato lucano alle elezioni europee Pedicini e ai candidati a sindaco di Potenza, Venosa, Miglionico e Nova Siri (Giannizzari, Covella, Digioia e Suriano) diffidano Pittella, Presidente della Giunta regionale di Basilicata, dal prendere con il ministro Guidi e con il governo Renzi l’impegno a incrementare l’estrazione di petrolio in Basilicata.

Il M5S Basilicata sarà al fianco di tutti i cittadini, i comitati e le associazioni ambientaliste lucane  che intendono mobilitarsi per scongiurare la possibilità che Pittella, il Pd lucano e le potenti lobby del petrolio possano continuare ad arrecare danni irreparabili all’ambiente ed alla salute dei lucani. E’ già enorme l’impatto ambientale dell’estrazione di idrocarburi e dello smaltimento delle relative scorie: un impatto che si è rivelato insostenibile e che da molti (troppi) anni flagella la Val d’Agri, il Lago del Pertusillo, la Valbasento e le falde acquifere lucane.

La salute dei cittadini viene prima di tutto. Il M5S non consentirà una nuova e pesante “svendita” della Basilicata: oltre che disoccupazione e miseria di massa, le estrazioni petrolifere stanno determinando pesanti (e forse irreversibili) conseguenze ambientali e sanitarie. In questo quadro appaiono irresponsabili e offensive, le affermazioni di Romano Prodi, e ancor prima di Nomisma, che ipotizzano il raddoppio delle estrazioni di petrolio come presupposto di un fantomatico aumento dell’occupazione o delle royalties.

Basta con questi vergognosi bluff!  Serve, e subito, una politica energetica che punti su un modello “diffuso” di micro-impianti di energia rinnovabile e sul risparmio energetico attraverso la manutenzione straordinaria e ristrutturazione del patrimonio edilizio.

Pittella, invece, continua ad inseguire i combustibili fossili abbagliato da una (forse) più lauta “mancia” di royalties. Ma la Basilicata è la terra dell’acqua non quella del petrolio! È tempo di smetterla di prendere in giro i lucani: le estrazioni di petrolio servono unicamente ad  aumentare i profitti delle multinazionali petrolifere. Ciò che resta ai lucani è l’emigrazione di massa indotta dalla disoccupazione e, per chi resta, la desolazione di un territorio violentato dalle estrazioni e martoriato dalla desertificazione.

Il M5S e i cittadini liberi della nostra regione non si fermeranno davanti agli appetiti nazionali e internazionali che vogliono far diventare la Basilicata la pattumiera del Sud. Tutti insieme siamo pronti a utilizzare tutti gli strumenti non violenti (giuridici, normativi, democratici) e qualsiasi forma di protesta per bloccare nuovi accordi con le industrie petrolifere.

In questa battaglia per la sopravvivenza della Basilicata, i lucani non sono più soli e possono contare sul M5S e su tutti i suoi attivisti e portavoce, tra cui i parlamentari lucani Mirella Liuzzi e Vito Petrocelli.

 Il Gruppo Consiliare M5S Basilicata
Gianni Leggieri – Giovanni Perrino

 Il candidato M5S al Parlamento europeo
Piernicola Pedicini

 I candidati sindaci del M5S di Potenza, Venosa,  Miglionico e Nova Siri
Savino Giannizzari – Arturo Covella – Antonio Digioia - Carmine Pasquale Suriano

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked (required)

Amministrazione Trasparente
Iscriviti alla Newsletter

Calendario
Archivi