Incontro con l’ Ass. di Montalbano F. Chita con delega all’ ambiente.

La visita tra le viuzze di Montalbano Jonico, guidata dall’ Assessore Chita, ha avuto un esito positivo.

Non stiamo parlando di visita alle edicole votive, alle chiese o alle porte storiche ma del sistema di raccolta differenziata ( RD ) di questo comune della provincia di Matera, di circa 7500 ab., che è stato assunto a modello dal CONAI per il nostro territorio.

Alla nostra vista non sono apparse campane per la raccolta dei rifiuti, poco funzionali e simili a delle minidiscariche, ma centinaia di secchielli marroni (24 l. ), ognuno per ogni famiglia,posati ordinatamente davanti all’ ingresso di casa. Oggi è giovedì e il colore è marrone perché c’è la raccolta della frazione umida ( 3 volte a settimana); ma lunedì sarà giallo ( plastica);mercoledì, bianco ( carta/cartone ); venerdì, grigio ( indifferenziato ); sabato, blu ( vetro/alluminio ). A terra, nonostante la nevicata della scorsa notte, niente carte.

I rifiuti dei montalbanesi vengono raccolti già dalle 5 del mattino dai mezzi della ditta Avvenire scarl e portati in un’ isola ecologica dotata di compattatori differenziati.

Questa efficacia nella raccolta differenziata ( RD ) subisce uno stop grave e antieconomico nella fase di smaltimento:l’ indifferenziato va a Tursi, alla discarica della Comunità Montana Basso Sinni; carta/cartoni/inerti e plastica alla BNG di Iula a Ferrandina; l’umido all’ impianto di compost della Progeva a Laterza; i farmaci alla Serveco di Martina Franca; vetro e ingombranti a Gioia del Colle;RAEE alla Ri.Plastic di Balvano.

Tutto questo elenco per dare la misura dei movimenti degli scarrabili pieni di rifiuti per il territorio di Basilicata e Puglia, quindi costi aggiuntivi per i trasporti e per le diverse convenzioni che pagheremo noi e il nostro ambiente.

Il costo del servizio di RD e di smaltimento che viene pagato alla Avvenire scarl nella misura di 802.000 euro( anno 2009 ) potrebbe essere abbattuto di almeno un quarto, fino a 500.000 euro se solo in Regione provassero a fare un minimo di programmazione e non si facessero incenerire i pensieri.

Vito P. e Saverio C.

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked (required)

Amministrazione Trasparente
Iscriviti alla Newsletter

Calendario
Archivi